LESIONI DA PRESSIONE: EBP RACCOMANDAZIONI E RESPONSABILITA'

14 ottobre 2017
8 crediti
BREVE PREMESSA

Le lesioni da pressione (di seguito LdP) costituiscono un problema rilevante per il Sistema Sanitario Nazionale. L’incremento dell’età media  e delle patologie croniche ha indotto  un aumento delle complicanze legate a tali condizioni causa spesso di lunghi periodi di immobilità e di allettamento che, accanto ad altri elementi di comorbilità come il diabete, patologie cardiovascolari, malnutrizione…., rappresentano un fattore di rischio prevalente per l’insorgenza di LdP. La loro gestione richiede grande impegno in tutti i setting di cura ospedalieri e domiciliari sia in termini di risorse umane e materiali sia  in termini di sofferenza e difficoltà gestionale per i pazienti e le loro famiglie. Con le attuali conoscenze scientifiche e l'avvento di nuove tecnologie le LdP non possono più essere considerate una inevitabile conseguenza dell'allettamento; la prevenzione e la corretta gestione diventano allora fondamentali, considerando che l’incidenza di LdP è ormai riconosciuta universalmente come un indicatore di qualità dell'assistenza erogata. Il professionista infermiere gioca in questo un ruolo fondamentale;  sulla base giuridico/normativa la sua responsabilità  in ambito di Wound Care deve essere ricondotta agli obblighi stessi che la Professione impone; obblighi dettati dal D.M. 739/94 che ne definisce il Profilo (“l'infermiere è l'operatore sanitario… responsabile dell'assistenza generale infermieristica. ……le cui principali funzioni sono la prevenzione delle malattie, l'assistenza dei malati e dei disabili di tutte le età e l'educazione sanitaria…”), dagli ordinamenti didattici e dallo specifico Codice Deontologico. La responsabilità e l’autonomia  riconosciuta agli infermieri e sancita con la Legge 10 agosto 2000 n. 251, non può quindi prescindere dal miglioramento continuo delle competenze e dall'obbligo di utilizzare, nell'esercizio della propria professione, conoscenze e strumenti validati e supportati dalle migliori evidenze scientifiche disponibili, nell’interesse esclusivo del benessere e della dignità della persona.


SEDE

Sala MARTA NUCCHI
Collegio IPASVI Mi-Lo-MB
Via Adige, 20 - 20135 Milano (MI)

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
38,00 € per gli iscritti Collegio Ipasvi Milano - Lodi- Monza e Brianza
48,00 € per i non iscritti

Il corso è a numero chiuso, l'iscrizione è obbligatoria fino ad esaurimento dei posti disponibili e si può effettuare solo per via telematica collegandosi al seguente link: Per iscriverti CLICCA QUI